Gio Pistone

Gio Pistone è nata a Roma ed ha girato l’Europa fino ai 25 anni assieme alla “Sindrome del Topo” gruppo di propagatori del sogno lucido, costruttori e inventori di strutture giocose con cui ha costruito un Labirinto mutante a Mostar in Bosnia Erzegovina.
Poi torna a Roma con l’intento di fermarsi nella sua amata città e di viaggiare di più con la mente.
Ci riesce con il collettivo SerpeinSeno, gruppo di disegnatrici finalmente comodamente sedute.
Lasciato il gruppo, parte per un nuovo capitolo di viaggio finalmente sola.
Le sue figure di fantasia ,stilizzate e pulite, sono a limite dell’astratto, hanno occhi, mani e gambe ma sembra che siano pronte a perderli ed a lasciare presto questa dimensione per esplorarne altre.
Lavora dipingendo su muro, carta, legno, ferro e tutto cio’ che di interessante trova per strada.
Ha lavorato per pubblicità, giornali e riviste (Drome Magazine, Liberazione, Illustrati – Logos, l’Unità, Corriere della Sera – io-Donna, Accattone, Dopress Books-China, Lucha Libre, STRA, Monsa Publications, Barcellona) e partecipato a mostre in Italia e oltre (presso il Museo MADRE di Napoli e l’Auditorium di Roma, Mondopop – Roma, Mostar – Abrasevic Mladima – Bosnia Erzegovina, TrueHateArt la Rochelle – Bordeaux, MF Gallery – Genova, MF Gallery New York, Cell63 – Berlin, Bologna – Spazio Barnum, Milano – Studio d’Ars).Partecipato a Festival come Scala Mercalli, Pop-up, Fra-Festival, MURo, Art in Progress, Crack, Ratatà.
PHOTO: Jessica Stewart – RomePhotoBlog

www.giopistone.it